Chi era il “Prenauta”, il primo spagnolo nelle terre americane prima di Colombo?

Alonso Sánchez de Huelva è esistito davvero o è solo una leggenda? Alcuni ritengono che non solo abbia fornito a Cristoforo Colombo le indicazioni per raggiungere l'America, ma che gli abbia anche fornito piani dettagliati su come arrivarci.

prenauta alonso sanchez

Colombo sapeva dove stava navigando? Come ha fatto a ritrovare la strada di casa dai Caraibi? Qualcuno poteva dargli queste informazioni? Queste domande sulla scoperta dell’America sono rimaste valide per molti anni, ma le loro risposte hanno sempre suscitato controversie. Ad esempio: chi era l’oscuro personaggio noto come “Prenauta”, il primo spagnolo ad arrivare nelle terre americane prima di Colombo?

Fu davvero un errore?

Era il 1492 quando Cristoforo Colombo, su mandato di Ferdinando e Isabella, intraprese un viaggio da Palos all’India attraverso l’Oceano Atlantico, una rotta mai percorsa prima. Due mesi dopo, il 12 ottobre 1492, le tre caravelle di Colombo avvistano la terraferma. Ma più tardi si sarebbero resi conto del loro errore: invece di arrivare nelle Indie, avevano raggiunto un luogo sconosciuto di cui si sapeva poco in Europa. Fu davvero un errore?

Per secoli si è speculato su un marinaio che fu trascinato con il suo equipaggio sulle coste dei Caraibi e che riuscì miracolosamente a tornare in Europa, sconvolto da ciò che aveva visto e come unico superstite di quel disastroso viaggio, quest’uomo misterioso avrebbe potuto raccontare a Cristoforo Colombo le terre sconosciute che aveva visitato. Ma chi era?

Il Prenauta: Alonso Sánchez de Huelva

In uno scritto, Fray Bartolomé de las Casas descrive come il Prenauta scoprì le isole caraibiche dopo essere naufragato in una tempesta. Il religioso scrisse che una nave proveniente dalla Spagna, carica di merci destinate all’Inghilterra, fu spazzata via dalla rotta e naufragò su un’isola del Caraibi. Secondo i cronisti, quest’uomo arrivò a Santo Domingo con un manipolo di marinai sopravvissuti al disastroso viaggio. Dopo essersi sfamati e aver riparato la nave, partirono per il viaggio di ritorno.

Nel suo libro “Comentarios Reales”, l’Inca Garcilaso de la Vega rivelò il nome di questo navigatore, Alonso Sánchez de Huelva, assicurando che si trattava di una tradizione orale della zona ascoltata direttamente dagli antichi conquistatori spagnoli. Secondo Garcilaso, Sánchez non solo raggiunse l’America, ma riuscì anche a riparare la sua nave e a intraprendere il viaggio di ritorno con un manipolo di marinai superstiti. Tuttavia, il viaggio di ritorno si rivelò più difficile: tutti i membri dell’equipaggio morirono, tranne lo stesso Alonso, che riuscì a tornare a casa sbarcando a Porto Santo (a circa 43 chilometri dall’isola di Madeira).

Cristoforo Colombo

È proprio qui che entra in gioco lo stesso Cristoforo Colombo. L’Inca Garcilaso de la Vega assicura nei suoi scritti che Colombo sapeva dell’arrivo sull’isola portoghese di un marinaio spagnolo, in punto di morte, che sosteneva di aver scoperto terre sconosciute nel Mare Oceano.

Colombo era interessato a scoprire di più sul viaggio di Sánchez, sul percorso che fece e su quanto tempo impiegò per raggiungere queste terre. Visitò il Prenauta sul letto di morte e ricevette ciò di cui aveva bisogno: indicazioni per raggiungere quelle terre lontane, sopravvivere lì e tornare a casa.

È una coincidenza che Colombo si sia presentato ai monarchi cattolici solo poche settimane dopo aver parlato con il Prenauta? Alcuni esperti ritengono che il motivo per cui i re appoggiarono il viaggio di Colombo fu perché sapevano che avrebbe trovato terre sconosciute intorno alle Indie. In effetti, c’è un documento che potrebbe dare credito a questa teoria: nelle “Capitolazioni di Santa Fe”, firmate dagli stessi re nell’aprile del 1492 e indirizzate allo stesso Colombo, si parla letteralmente di “ciò che egli ha scoperto negli oceani… Com’era possibile parlare di qualcosa che era stato scoperto se il viaggio non era stato ancora fatto?

Chi ha ragione?

Si discute ancora se Alonso Sánchez fosse una persona reale o solo una leggenda: alcuni esperti sostengono che non solo abbia informato Cristoforo Colombo su come raggiungere l’America, ma che gli abbia anche fornito piani dettagliati su come arrivarci; altri ritengono invece che si tratti di un mito per sminuire la figura di Cristoforo Colombo.

Forse non sapremo mai se il Prenauta sia effettivamente arrivato in America prima di Colombo, ma a Huelva ne venerano ancora la memoria come di un marinaio spagnolo che avrebbe potuto farlo.

Direttore fondatore del giornale online Il Messaggero Italo-Peruviano. Scienze della Comunicazione, Università di Lima. director fundador del diario online Il Messaggero Italo-Peruviano. Ciencias de la Comunicación, Universidad de Lima.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Comment moderation is enabled. Your comment may take some time to appear.