La Malopolska in Toscana per presentare l’offerta turistica

Avviato un accordo di collaborazione con Toscana Promozione Turistica. Due Regioni, una polacca l’altra italiana, che hanno molto in comune: storia, cultura, siti UNESCO, ma anche natura e gastronomia.

Malopolska in Toscana

Si è tenuto, presso Palazzo Salotto Portinari a Firenze lo scorso 21 luglio, un incontro con giornalisti e operatori del settore, organizzato dall’Ente Nazionale Polacco per il Turismo e da Toscana Promozione Turistica in collaborazione con la Regione Malopolska, Cracovia. Durante l’evento si è confermata la volontà, da entrambe le parti, di lavorare insieme alla redazione di un accordo bilaterale, un “legato di amicizia” tra le due regioni. 

Hanno partecipato all’evento Eugenio Giani, presidente della Regione Toscana insieme a Leonardo Marras, assessore regionale al Turismo, Iwona Gibasvicepresidente della Regione Malopolska per la Cultura e il Turismo e di Grzegorz Biedron, CEO dell’Ente di Promozione della Regione Malopolska. Presenti a Palazzo Salotto Portinari, Barbara Minczewa, direttrice dell’Ente Nazionale Polacco per il Turismo Francesco Tapinassi, direttore di Toscana Promozione Turistica, entrambi tra i promotori di questo importante momento di incontro.

Vito Mollica

L’evento ha raccolto, oltre a quello istituzionale, il consenso e il gradimento dei presenti, oltre 50 tra giornalisti e operatori del settore, deliziati dai sapienti piatti presentati dallo chef Vito Mollica che ha saputo elaborare portate “tosco-polacche” in un’insolita versione fusion decisamente apprezzata, che ha avuto uno dei suoi momenti più piacevoli e coinvolgenti nello show cooking molto coinvolgente, dedicato alla preparazione dei famosi pierogi, deliziosi ravioli ripieni di patate e ricotta, tipici della tradizione polacca.

L’accordo che si intende redigere prevede un intenso scambio di attività ed esperienze tra le due realtà non solo in ambito strettamente turistico ma anche nei settori dell’istruzione e della cultura. Considerati i numerosi tratti distintivi che accomunano le due destinazioni e dalla sempre più crescente presenza di turisti polacchi in Toscana.

Piemonte

Barbara Minczewa

Innegabile la soddisfazione della direttrice dell’Ente Nazionale Polacco per il Turismo, Barbara Minczewa: “si tratta di un riconoscimento importante per la Malopolska che viene da una delle Regioni Italiane tra le più amate da noi polacchi. La Toscana ha un’anima sorella alla nostra e le affinità turistico-culturali sono davvero innumerevoli. Per questo riteniamo che con questo primo passo, qui a Firenze, si sia dato inizio ad un percorso virtuoso che sono certa contribuirà notevolmente allo sviluppo del turismo in Polonia e nella Malopolska in particolare che ci auguriamo venga sempre più conosciuta e richiesta, come merita”.

Francesco Tapinassi

Alle parole della direttrice, Minczewa, fanno eco quelle di Francesco Tapinassi direttore di Toscana Promozione Turistica che fortemente ha voluto questo incontro e ha lavorato per questa collaborazione: “siamo davvero contenti di come l’idea di lavorare con altri enti del turismo stia trovando interesse e permetta di costruire azioni di promozione efficaci ed utili alla Toscana. Ciò che abbiamo realizzato con i colleghi polacchi ci conferma che la nostra destinazione colpisce oltre che per la sua bellezza per le sue capacità organizzative. Toscana Promozione Turistica ha colto l’opportunità di costruire eventi in Polonia e in Toscana, in modo da rafforzare il nostro posizionamento in un mercato sempre più interessante per l’Italia”.

Malopolska

La Regione Malopolska, il cui capoluogo è Cracovia, è una destinazione sorprendente.

Un territorio ricco di parchi e di riserve naturali, con numerosi luoghi pittoreschi da ammirare, città storichecastellichiese e santuari, facenti parte del grande patrimonio culturale e storico della Polonia. Aspetti caratteristici che si ritrovano in Toscana.

Ed è da qui che è nata la collaborazione promossa dall’Ente Nazionale Polacco per il Turismo, tra l’Ente di Promozione della Regione Malopolska Toscana Promozione Turistica.

Situata nella parte meridionale della Polonia, la Malopolska è la regione polacca più ricca dal punto di vista storicoculturale (conta ben 14 siti Patrimonio dell’Umanità UNESCO), gastronomico (possiede il maggior numero di alimenti iscritti alla lista dei cibi tradizionali, IGP e DOP) e paesaggistico, oltre a vantare montagne (tra cui i maestosi Monti Tatra e i più dolci Beschidi e Pieniny) e acque termali dalle proprietà altamente benefiche.

Cracovia

Cracovia, il suo capoluogo, è una delle più antiche città del Paese, con oltre 5mila siti di interesse storico, tra cui il Castello Reale sul Wawel, la Basilica di Santa Maria, Sukiennice, ovvero il Mercato dei Tessuti, senza dimenticare il centro storico della città (considerato uno dei dodici più preziosi complessi architettonici del mondo) e il quartiere ebraico Kazimierz, riconosciuti dall’UNESCO, per citarne alcuni.

A confermare la bellezza della Regione Malopolska, Barbara Minczewa, direttrice dell’Ente Nazionale Polacco per il Turismo in Italia, sottolinea: “Per la Polonia il mercato italiano è sempre stato decisamente importante e fino al 2019 era uno dei nostri principali mercati incoming, con ben 600mila arrivi dall’Italia”.

Continua la Minczewa: “A Firenze abbiamo dato il via ad un percorso di sviluppo turistico ambizioso, non solo perché la Malopolska rappresenta il prodotto di punta per il turismo in Polonia, ma anche perché sono tante le cose che accomunano le due regioni, tra storia, arte ed eccellenze culturali, senza dimenticare che la bellezza del suo capoluogo, Cracovia, è dovuta in gran parte ad artisti toscani del Rinascimento. Non a caso, Cracovia è in testa nella classifica delle destinazioni polacche scelte dagli italiani, che nel 2019 si posizionavano al terzo posto tra gli arrivi dall’estero in città, grazie sicuramente ai comodi collegamenti aerei tra Italia e Polonia, ma anche alla ricchezza della Malopolska. Cracovia e Firenze sono già gemellate, era quindi giunta l’ora di creare un ponte stabile tra queste due nostre straordinarie Regioni”.

Il Messaggero Italo-Peruviano è il giornale online della comunità italiana.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Comment moderation is enabled. Your comment may take some time to appear.